Spesso e volentieri, sia per motivi di svago che per motivi lavorativi, molti di noi si trovano davanti l’esigenza di dover trasferire file di vario genere e varie misure.Riguardo la problematica di come condividere file, la soluzione fin’ora presentava solamente due possibilità che avvenivano attraverso due metodi: il primo usando come mezzo di passaggio un dispositivo di memoria di massa mobile ( una chiavetta usb, un hard disk, cd e dvd, etc) oppure, se in casi come la distanza impedivano il passaggio fisico di un dispositivo da una persona all’altra, si allegavano i file ad una e-mail , avendo però il limite di grandezza disponibile che impediva tuttavia il trasferimento di file più pesanti.

Attraverso il susseguirsi degli anni è stata introdotta anche la tecnica di trasferimento dati attraverso dispositivi bluetooth, oramai onnipresenti in qualsiasi computer o smartphone di ultima generazione. Ma anche l’introduzione di questi nuovi dispositivi non risolsero il problema riguardo come condividere file, poiché i dispositivi bluetooth possono mettersi in contatto tra loro solo se sono a distanze ridotta tra loro.

Quindi il problema rimase per molti ancora vivo. Se per esempio sto in Giappone, e il mio capo in Italia vuole entro la serata che gli invii quel file da dieci Gb, come condividere file? Oggigiorno il problema è stato risolto, grazie all’introduzione di piattaforme di sincronizzazione di dati e file via web. Per spiegarlo in parole povere, piattaforme web dove chiunque da qualsiasi parte del mondo può caricare in modo immediato file e dati e lasciarli in deposito, e permettere a eventuali utenti di poterli scaricare in caso di necessità.

Nel mercato dei software web e di hosting web ne sussistono un’infinità di questi software, ma i più rinomati e quindi anche i più sicuri su cui affidarsi, sono principalmente due: Dropbox e Google Drive. Ora si pone automatica un’altra domanda: come condividere file con questi due programmi?

Iniziamo con ordine e quindi con il primo nominato : Dropbox

Dropbox è disponibile per i sistemi operativi Windows, Mac OS X, Linux, BlackBarry OS, iOs, Android e Windows Phone. Il programma è scaricabile gratuitamente. Basterà indirizzarsi al sito ufficiale, compilare i campi per la registrazione (Nome, Cognome, e-mail, Password) e il download del programma partirà in modo automatico. Scaricato il file Exe ( ci vorranno all’incirca pochi secondi, connessione permettendo) si dovrà avviare l’installazione del programma. A termine dell’installazione sarà avviata in automatico una breve guida introduttiva all’uso del programma; verrà installata una comune cartella sul vostro pc (collegata da un’icona desktop) in cui con il semplice copia e incolla o drag & dop, bisognerà immettere i file da condividere.

 

Attraverso la sincronizzazione automatica, i file saranno posizionati in una cartella di Hosting di appoggio nei server centrali della società che detiene il software. da lì, attraverso le credenziali da voi fornite, altri utenti Dropbox potranno accedere e scaricare i file. Il piano gratuito di iscrizione al programma, prevede uno spazio disponibile di 2GB, estendibili in vari modi fino ad un totale di 18GB.

Invitando per esempio un amico alla iscrizione e all’installazione di Dropbox, si guadagneranno 500MB di spazio aggiuntivo, oppure si possono avere altri Megabyte in premio in caso si colleghi il proprio account Dropbox con i social network quali Facebook, Twitter, etc. I piani a pagamento prevedono l’estenzione dello spazio disponibile fino ad 1 Terabyte. Il servizio, dopo la registrazione è disponibile anche se si usa momentaneamente un dispositivo (computer o smartphone) cui sopra non sia installato il software. Infatti con le credenziali necessarie, il servizio è disponibile anche via web, attraverso l’accesso dal sito ufficiale, rallentando però la velocità e la quantità di dati interscambiabili.

Se invece non siete assolutamente interessati ad eseguire installazioni di altri programmi sul vostro computer o smartphone, sarete più propensi a google drive. Anche se molti smartphone hanno installato, come programma predefinito, l’applicazione, il suo uso può essere effettuato esclusivamente via web. Bisogna solo possedere un account google! Non ne avete uno?

Basterà creare una nuova casella di poste elettronica con gmail ( fattibile già dalla home page di google, cliccando in alto a sinistra sulla dicitura GMAIL), completamente gratuita, ed il vostro account google sarà aperto in automatico. Dalla home page di google basterà cliccare sulla dicitura Gmail in alto a sinistra, entrare nella vostra casella di posta elettronica, e sempre in alto sulla sinistra troverete un’ icona con nove quadratini. Cliccandola si aprirà una piccola finestra con tutte le app google connesse al vostro account.

Tra di queste troverete Drive ( ha come logo un triangolo con i lati di colore verde, giallo e celeste). Cliccando sull’icona di Google Drive, si aprirà la schermata principale per la gestione della app, dove troverete salvati già di di back-up tutti i file inviati come allegati alle eventuali e-mail inviati con la vostra casella di posta elettronica Gmail. Con Google Drive avete a disposizione 15Gb di spazio libero su web, e caricare i vostri file è semplicissimo!

Basterà cliccare in alto a sinistra sul pulsante con scritto NUOVO, e comparirà automaticamente un menù a tendina dove tra varie opzioni potrete scegliere anche quella del caricamento. Per far scaricare i contenuti di google drive basterà modificare le impostazioni di condivisione, a dar la possibilità di accesso ai file via link. Chiunque riceverà questo link personale, da parte vostra potrà scaricare i documenti richiesti.

Leggi anche:

Convertitore mp4 gratis: trasformiamolo da un file mov

Come modificare i file PDF

Come aprire file 7z gratis Windows: estrarre file