Hai effettuato anche tu l’upgrade a Windows 10 ma il nuovo sistema operativo non ti piace? Non tutti i programmi e le applicazioni che sei solito utilizzare funzionano bene con Windows 10 e vuoi sapere come tornare a Windows 7?

Non c’è problema, ciò che ti occorre è soltanto un po’ di pazienza: segui le informazioni riportate dalla guida ed in pochi minuti riavrai il tuo fidato sistema operativo.

Ti do anche un’altra notizia: se sono passati meno di trenta giorni da quando hai fatto l’upgrade a Windows 10, il sistema ti concede la possibilità di ritornare sulla tua scelta ed effettuare il ripristino del vecchio sistema operativo senza perdere alcun dato o programma.

Gli sviluppatori di Windows 10, infatti, hanno scelto di dotare il nuovo sistema operativo di una copia del precedente Windows impiegato, con la possibilità di ripristinarla entro i primi trenta giorni.

L’opzione è presente alla voce “Impostazioni”, il pratico pannello di controllo apparso con Windows 8 e riproposto da Windows 10. Se invece hai tergiversato ed hai lasciato che passassero più di trenta giorni dall’aggiornamento, dovrai accontentarti di formattare il disco rigido del tuo pc e reinstallare Windows 7 da capo.

Per farlo, sarà opportuno utilizzare il DVD utile all’installazione del vecchio sistema operativo, oppure utilizzare i file contenuti in una chiavetta USB. Ovviamente, questo metodo causerà la rimozione dei tuoi dati personali e dei programmi presenti sul computer, ma rappresenta l’unica strada percorribile per tornare a Windows 7.

Qui di seguito troverai tutte le informazioni utili per ottenere il desiderato ritorno a Windows 7, indipendentemente dalla tua situazione. Sei pronto per capire come tornare a Windows 7?

Operazioni da compiere prima di dare inizio al ripristino di Windows 7

Se hai intenzione di tornare a Windows 7, dovrai essere prudente e preparare al meglio il tuo dispositivo al downgrade mediante alcune operazioni preliminari. Innanzitutto, sarà necessario che tu compia un backup dei dati presenti nella memoria del tuo personal computer.

Come tornare a Windows 7

 

Anche se hai effettuato l’aggiornamento a Windows 10 da meno di trenta giorni, sarà comunque opportuno armarsi di tutta la prudenza possibile ed effettuare un backup dei dati per assicurarsi di non smarrire nulla di importante.

Se sei costretto a reinstallare Windows 7, assicurati prima di possedere il codice Product Key di Windows 7, indispensabile per attivare la propria copia del sistema operativo Microsoft. Questo codice è reperibile sulla confezione di Windows o, nel caso di computer con il sistema operativo già installato al momento dell’acquisto, su un adesivo incollato sulla parte retrostante del Pc.

Infine, è necessario anche attivare Windows 10. Come? Semplicissimo. Recati nel menù “Impostazioni”, seleziona la voce “Aggiornamento e sicurezza”, quindi clicca su “Attivazione”.

Si aprirà una nuova pagina all’interno della quale potrai verificare che la tua copia di Windows 10 risulti effettivamente attivata. Quest’operazione è necessaria poiché se il sistema operativo non fosse stato attivato ed in futuro dovessi decidere di reinstallare Windows 10, non potrai più riaverlo gratuitamente.

Questo avviene perché quando si permette al proprio computer di aggiornare il sistema operativo effettuando l’upgrade, viene utilizzato un codice Product Key automatico, valido per qualsiasi Pc, ed associato ad un ennesimo codice che scaturisce dall’hardware in uso.

Questi due codici vengono impiegati da Microsoft per risalire alla diverse installazioni presenti sul sistema operativo. Disinstallando Windows 10 dal tuo computer senza averlo prima attivato, rischi di perdere per sempre la copia gratuita di Windows associata al tuo hardware e di bruciarti l’unica possibilità di ottenere il nuovo sistema operativo di Microsoft senza dover mettere mano al portafogli.

Se procederai con l’attivazione, invece, potrai tornare a Windows 7 quando vorrai riottenendo la tua copia di Windows 10 in qualsiasi momento e senza dover pagare nulla.

Come tornare a  Windows 7 attraverso il downgrade offerto dal sistema entro i primi trenta giorni
Se hai effettuato l’upgrade a Windows 10 da meno di un mese puoi tornare sulla tua decisione e ricominciare ad utilizzare Windows 7 senza perdere nessun dato, fatta eccezione per le applicazioni compatibili unicamente con il sistema operativo più recente.

Accedi al menù “Impostazioni” e clicca sulla voce “Aggiornamento e sicurezza”, quindi seleziona l’opzione denominata “Ripristino” sistemata nella barra laterale in evidenza sul lato sinistro. Fatto ciò, dovrai cliccare sulla voce “Per iniziare”, collocata immediatamente al di sotto della frase “Torna a Windows 7”.

Se non sei ancora pratico di Windows 10 e non riesci a trovare il menù “Impostazioni”, ti basterà cliccare sull’icona a forma di lente d’ingrandimento posizionata in basso a sinistra, di fianco al tasto “Start” recante il simbolo di Windows 10.

Ti verranno richieste le motivazioni per cui stai abbandonando il sistema operativo più recente, dopodiché dovrai selezionare il tasto “Avanti” tutte le volte che ti verrà richiesto e poi ancora la voce “Torna a Windows 7”, per dare ufficialmente inizio alla procedura di reinstallazione.

Dopo pochi secondi, il computer sul quale stai svolgendo l’operazione si riavvierà inaugurando la procedura per il ripristino di Windows 7, durante la quale sullo schermo del pc si attiverà una finestra riportante la frase “Impossibile avviare il computer”.

Anche in tal caso non dovrai temere nulla, ma soltanto attendere che l’operazione giunga a compimento. Al termine del processo, con ogni probabilità ti verrà richiesto l’inserimento della Product Key di Windows 7, necessaria a riattivare il sistema operativo.

Come tornare a Windows 7 formattando l’hard disk del computer

w7ritorno2

Se il termine massimo di trenta giorni si è già concluso ma la voglia di tornare all’amato ed indimenticato Windows 7 è ancora forte, dovrai accontentarti di formattare il tuo computer e reinstallare a mano la tua copia di Windows 7.

Tale operazione, naturalmente, provocherà la perdita di tutti i programmi ed i dati presenti sul computer, che dovrai avere cura di salvare preliminarmente, importandoli su un hard disk esterno, su DVD o su qualsiasi memoria esterna pronta all’uso.

Inoltre, dovrai procurarti un disco per l’installazione di Windows 7, oppure dovrai importare su una chiavetta i file necessari all’installazione del sistema operativo.

Se sei in possesso di un Pc recente, che al momento dell’acquisto montava già Windows 8 o Windows 10, devi entrare nell’UEFI, l’interfaccia predefinita che nelle macchine moderne ha sostituito il BIOS, e disattivare il Secure Boot. A tal proposito, è bene ricordare che soltanto la versione a 64 bit di Windows 7 risulta compatibile con i moderni computer basati su UEFI.

Le versioni a 32 bit, invece, possono essere impiegate soltanto dopo aver attivato la modalità denominata BIOS Legacy all’interno dell’UEFI. A questo punto puoi procedere con la formattazione del Pc, ovviamente dopo aver effettuato il già più volte citato backup dei dati.

Come tornare a Windows 7 se sei in possesso di un Pc dotato di Windows 8

Vuoi abbandonare il tanto vituperato Windows 8 e dotare il tuo Pc di Windows 7? Bene, non sarà molto difficile. Prima di tutto però è necessario fare una precisazione molto importante: se hai acquistato un computer dotato della versione Pro di Windows 8, puoi ricorrere gratuitamente al downgrade e tornare a Windows 7 utilizzando la stessa licenza di Windows 8.

Per farlo, dovrai contattare Microsoft e richiedere l’attivazione del prodotto tramite telefono. Se invece hai un Pc equipaggiato con la versione normale di Windows 8, dovrai accontentarti di formattare il tuo computer e di installare Windows 7, ma soltanto dopo aver effettuato un backup dei dati presenti sull’hard disk. Anche in questo caso, con molta probabilità sarai costretto a recarti fra le impostazioni del BIOS e disattivare l’UEFI al cui posto dovrai rendere attiva la modalità BIOS Legacy.

Per farlo, dovrai riavviare il Pc, quindi premere il tasto F2 ed entrare nel BIOS. Nella sezione Boot dovrai poi selezionare l’opzione “modalità di avvio” e cliccare ancora su BIOS Legacy. Accertati di aver salvato le impostazioni e riavvia di nuovo il tuo computer.

Soltanto dopo questo passaggio potrai finalmente sostituire il tuo vecchio sistema operativo e tornare a Windows 7.