Come riparare GRUB

Il metodo più utilizzato per riparare GRUB su un sistema è quello di utilizzare il file immagine di una distribuzione Linux, come Ubuntu o Linux Mint.

0
135

In questo articolo voglio spiegarvi come si effettua la procedura per riparare GRUB. L’installazione delle distribuzioni Linux sul proprio PC come, ad esempio, le varie versioni di Ubuntu e Linux Mint, devono essere effettuate con molta cautela, poichè si può correre il rischio di sovrascrivere il boot loader esistente.

riparare GRUB

 

In particolare, un problema simile si presenta quando si tenta di installare Windows, o un altro sistema operativo diverso da linux, su un sistema in cui risulta già installata una distribuzione linux. Ciò che avviene, infatti, è che Windows nella fase di installazione può eliminare il GRUB, sostituendolo con il suo boot loader predefinito.

Per chi non lo sapesse, il GRUB boot loader è un piccolo programma che viene eseguito nella fase di avvio del sistema operativo, che consente di avviare le distribuzioni linux o configurare un dual bot con due o più sistemi. Se viene sovrascritto o danneggiato, quindi, bisogna riparare il GRUB come illustrato di seguito per avviare nuovamente un sistema operativo linux.

Come riparare GRUB attraverso il file ISO

Prima di procedere, quindi, occorre avere a portata di mano una distribuzione Linux installata in versione live su CD o in alternativa su una pennetta USB. Successivamente, per riparare il GRUB occorre seguire i seguenti passaggi:

1) Inserire la pennetta o il CD nel PC e eseguire il boot del sistema operativo;

2) Una volta che si è caricata la distribuzione Linux occorre connettersi alla rete internet, avviare il terminale e digitare le seguenti stringhe di testo:

“sudo add-apt-repository ppa:yannubuntu/boot-repair
sudo apt-get
update
sudo apt-get install -y
boot-repair”

3) Dopo aver reperito e installato il Boot Repair, bisogna avviarlo e aspettare che la scansione del boot loader danneggiato giunga al termine;

4) A questo punto bisogna selezionare la “Recommended repair” per riparare GRUB o, in alternativa selezionare le “Advanced option” per gli utenti esperti;

5) Al termine del processo di ripristino il GRUB dovrebbe essere riparato e si potrà avviare nuovamente la distribuzione Linux precedentemente installata sul sistema.

Riparare GRUB con Boot Repair Disk

Un’alternativa valida al metodo sopra descritto è rappresentata da Boot Repair Disk, che consiste in una ISO avviabile da CD o pennetta che consente di riparare in pochi passaggi il boot loader danneggiato da Windows.