Capiamo innanzitutto cos’è. Esso, che una volta era denominato Windows Live ID, è una combinazione di una password e di un indirizzo e mail, necessaria per accedere a molti servizi Microsoft. In realtà per accedere ad ogni singolo servizio tipo Outlook oppure one drive, è già indispensabile una password ma, in qualsiasi momento si può effettuare una registrazione e procedere su come recuperare account MIcrosoft.

Leggi anche:

Virus wannacry per attaccare Microsoft Windows

Come modificare account Microsoft

Gestione partizioni windows 10: ridimensionare la partizione

La registrazione è molto semplice, basterà indicare indirizzo di posta elettronica e password, digitare le informazioni richieste in fondo alla pagine della creazione del nuovo Account, inserire il codice di sicurezza ed accettare le condizioni. E’ possibile rifiutare le promozioni da parte di MIcrosoft, rimuovendo il segno di spunta nell’apposita casella ed il gioco è fatto.
A questo punto avremo creato il nostro Account di Microsoft, che potrà essere utilizzato per accedere a tutti i servizi on line.

 

Ora tutto sarà più facile ed immediato ma cosa accade se si dimentica la password? Semplice, non si potrà più accedere a Skype, Xbox Live oppure Outlook.com. Il nostro mondo virtuale cesserà e resteremo tagliati letteralmente fuori da ogni collegamento.

Sapere come recuperare un account Microsoft

Per prima cosa bisognerebbe controllare il tasto BLOC MAIUSC, infatti proprio per la password, ll sistema operativo Windows, fa distinzione tra le maiuscole e le minuscole. Spesso siamo semplicemente maldestri, perciò dopo aver ripetuto correttamente la password, con molta probabilità tutto funzionerà e noi avremo accesso al nostro Account.

Se così non fosse, allora l’Account potrebbe essere stato compromesso o danneggiato.
Cosa significa? Un Account compromesso è un Account che è stato violato; cioè esiste qualcun’altro che riesce ad usarlo per avere libero accesso alle informazioni riservate o anche a usare impropriamente il servizio di posta elettronica, leggendo la posta o, addirittura, inviando mail al posto nostro. Recuperare l’Account sarebbe utile e prudente, per evitare ulteriori interferenze.

Accedendo on line si verrà indirizzati per esempio ad Outlook, che ci chiederà la password. Quella della posta elettronica la dovremmo ricordare. Una volta entrati, sarà bene cambiarla immediatamente. Nella pagina Sicurezza e Privacy, cliccare sulla dicitura cambia password ed eseguire le facili istruzioni.
Si potrebbe verificare, però, l’ipotesi che non si riesca ad accedere all’account. Anche digitando la password, potremmo ottenere un nulla di fatto.

Andare, allora nella sezione Problemi di Accesso all’Account, dove troveremo varie opzioni tra cui la dicitura credo che qualcuno stia usando il mio account. Premere il pulsante avanti, seguire dettagliatamente le istruzioni, che sono abbastanza chiare.
In alternativa si può accedere all’opzione reimposta la password e seguire passo, passo le informazioni che ci vengono date.

Il sistema operativo Windows prevede l’inserimento di una serie di informazioni aggiuntive, utili proprio in caso di appropriazione indebita di Account.
Sarebbe utile, pertanto, fornire il maggior numero di informazioni personali, che sono tutelate per la Privacy e che vengono utilizzate unicamente per il ripristino dell’Account.

Questi dati, non verranno mai usati per informazioni commerciali oppure per indagini di mercato. Il loro unico utilizzo è facilitare l’identificazione reale dell’utente.
Per aggiungere informazioni di sicurezza all’Account di Microsoft, bisognerà ancora una volta indirizzarsi alla sezione Sicurezza e Privacy. Qui troveremo la dicitura le informazioni di sicurezza consentono di proteggere il tuo Account; bisognerà dunque cliccare su Aggiungi e seguendo le istruzioni, si potranno inserire diversi tipi di informazione come un numero di telefono alternativo o addirittura un altro e mail.

Queste facili operazioni sono state rese ancora più semplici per utenti non normo dotati, grazie a dei tasti di scelta facile , contrasto elevato e stampe in pdf.
Bisogna, però, fare attenzione e comprendere di quale Account si dispone. Ne esistono, infatti di tre tipi:

Account Microsoft, Account locale, Account di dominio

Per il primo, che è quello che ci interessa, abbiamo visto che per accedere servono indirizzo e mail e password. Il secondo, il locale, necessita, invece, della password e del nome utente. Il terzo, quello di dominio, necessiterà del nome di dominio e la password di dominio, ossia della rete, scolastica oppure aziendale, che costituiscono il dominio.

Siccome per l’Account Microsoft, come abbiamo visto, è possibile reimpostare la password, sarebbe bene, nei limiti del possibile, sempre orientarsi sulla scelta della configurazione di questo tipo di Account. Configurare le informazioni di sicurezza fornendo magari un altro indirizzo e mail, in modo da farsi inviare su quello i nuovi dati e non rimanere incastrati nel proprio, al quale non si riesce ad accedere.
Generare un PIN, è un altro accorgimento oppure un’altra opzione di accesso più facile da ricordare.

In definitiva se non si riesce ad accedere all’Account Microsoft si può sintetizzare che è per tre ragioni.
Si ricorda la password, ma non si riesce ugualmente. Allora bisogna innanzitutto verificare come la si digita, ponendo attenzione alle maiuscole ed alle minuscole. Verificare anche il dominio dell’indirizzo di posta elettronica, per esempio hotmail.com ovvero hotmail.it.

Assodato che digitiamo tutto correttamente, allora per recuperare account Microsoft seguiremo le procedure suggerite dal sistema, inserendo il codice di sicurezza, quel codice generato dal PC che dobbiamo ripetere per stabilire di essere presenti e di non essere una macchina od un robot.
Altra ipotesi è che abbiamo dimenticato la password. Qui la procedura sarà semplice: basterà segure le informazioni comunicate ed inserire i dati richiesti.

La terza ipotesi, quella dell’indebito utilizzo da parte di terzi del nostro account, vedrà formulata la richiesta di un’eventuale causa o motivo, del perché cioè, qualcuno stia usando il nostro Account. Per esempio, l’aver notato accessi anomali, informazioni ricevute da terzi, la presenza di acquisti o pagamenti che disconosciamo, la presenza dell’invio di mail non generate dallo scrivente. Anche in questo caso, il sistema Microsoft sarà esaustivo di come riconfigurare l’Account.

Le password sono comunemente utilizzate come unica forma di autenticazione e spesso sono l’unica barriera tra l’utente e le proprie informazioni personali. Gli innumerevoli programmi di hacker presenti in rete rendono molto facile l’accesso ai dati sensibili di ciascuno. Il livello di rischio è altissimo. E’ importante per questo motivo scegliere bene la password, che invece comunemente è molto semplice e facile da ricordare.
Un buon metodo è evitare il Dictionary attack, ossia evitare parole del dizionario, date e nomi dei familiari più prossimi.

E’ anche vero che con la moltitudine di password,PIN, PUC, e codici , che dobbiamo ricordare, è molto facile fare confusione e perdere la possibilità di accedere al proprio Account.
Nelle varie fasi di cancellazione ed inserimento di nuovi account, è possibile che non si riesca comunque a riattivare lo stesso. Al fine di proteggere la privacy il Servizio Assistenza Microsoft, mette a disposizione un modulo di contatto che consente a tecnici specializzati di fornire il miglior aiuto possibile. Basterà perciò, aprire una richiesta di supporto utilizzando il modulo elettronico online.

Questo al fine di lavorare in un ambiente protetto e più sicuro

Altro problema, che abbiamo già sottolineato, è che L’Account Microsoft una volta era definito Windows Live Id. Esistono alcuni sistemi o applicazioni che ancora lo riportano. Pertanto se non troveremo indicazioni specifiche per ripristino di Account, è bene cercare l’altra dicitura. La Microsoft, garantisce, che a breve essa scomparirà del tutto e gli utenti meno abili non verranno più tratti in errore.

In ultima istanza, se proprio non ci sarà riuscito il recuperare account Microsoft , prima di commettere danni irreversibili e senza alterarsi più di tanto, inveendo contro il computer, riflettere sul fatto che la rabbia non è mai una soluzione. Quindi contare fino a dieci, anche oltre, e rivolgersi poi a qualcuno leggermente più esperto, che certamente ci darà una mano.

Una giusta configurazione ci permetterà di avere tutto a porata di un clic: contatti, foto, documenti ed impostazioni.
L’Accounti Microsoft garantisce la perfetta integrazione di tutti i servizi Microsoft, rendendo la vita più semplice. Sempre che la sua riattivazione fosse riuscita!