La posta elettronica certificata è diventata un obbligo per aziende e amministrazioni pubbliche, ma serve un archivio fare una ricerca indirizzi PEC. Esistono differenti opportunità, più siti in cui reperire i recapiti dei diversi possessori tra imprese ed enti pubblici.

Se si vuole avere l’indirizzo elettronico la migliore soluzione è di cercarlo sul sito internet IPA, l’Indice delle Pubbliche Amministrazione. All’interno della banca dati si possono cercare i recapiti di svariati enti tra cui università, autorità portuali e città metropolitane.

Il motore di ricerca interno alle pagine web consente di muoversi con semplicità, infatti è particolarmente intuitivo. Si scelgono i criteri per la ricerca indirizzi PEC dell’amministrazione. Si può decidere di usare l’alfabeto, l’area geografica o la categoria. Una volta ottenuto il risultato basta cliccare sull’icona PEC, posta di fronte al nome dell’ente prescelto e si ottiene il recapito.

Nel caso l’icona appaia ingrigita vuol dire che l’ente non può essere contattato via posta elettronica certificata. Si può anche risalire al proprietario dell’indirizzo. Se si è in possesso del recapito e si vuole sapere chi sia l’amministrazione proprietaria, basta inserire il dato e avviare la ricerca.

Per la ricerca indirizzi PEC di aziende e professionisti il sito di riferimento è Ini Pec, patrocinato dal Ministero per lo Sviluppo Economico. Oltre a reperire il recapito si può risalire al nome dell’azienda o dello studio professionale partendo dall’indirizzo di posta elettronica certificata. Il motore di ricerca interno al sito permette di usare differenti criteri. Si usano la ragione sociale, il nome e il cognome, il codice fiscale o la partita Iva, la categoria professionale, il numero di iscrizione all’ordine per i professionisti e la provincia. Ottenuto il risultato basta cliccare sull’nominativo e si accede al dato richiesto.

Il sito del Registro delle imprese costituisce l’anagrafe delle aziende e permette di accedere anche agli indirizzi PEC. Si può digitare la provincia e il nome, accedendo alla lista in cui trovare il nominativo desiderato. Non serve alcuna registrazione per usare il servizio. Lo stesso vale per il sito Infoimprese gestito dalle Camere di Commercio italiane.

Se si necessita di trovare l’indirizzo PEC di un privato cittadino si va incontro a qualche difficoltà perché non esiste una banca dati con tali informazioni, ad esclusione dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente volta a sostituire l’Indice Nazionale delle Anagrafi e ancora incompleta da questo punto di vista. Meglio provare a iniziare dai social network oppure dai motori di ricerca digitando gli indirizzi ipotizzati contenenti pec.it, legalmail.it e i vari domini di PEC esistenti.