Router WiFi: guida all’acquisto.

Nell’era moderna, in cui la dinamicità prevale su tutto e l’internet spesso è più importante del pane quotidiano, occorre avere davvero un buon supporto tecnico per quanto riguarda il router usato. Scegliendo un router senza avere le conoscenze adatte, scegliendone uno di fretta e magari tirando anche per l’economico, si rischia spesso di rimanere senza internet in mezzo a un lavoro importante, e immaginate cosa potrebbe succedere se state magari lavorando a un prezioso progetto di lavoro che dovete inviare al capo entro una certa ora, ma… il ruoter inizia ad avere delle interferenze e perdete la connessione. Affinché questo non accada, munitevi pure con una penna, un foglio di carta e con 5 minuti di pazienza, perché possiamo assicurarvi che alla fine della lettura di questa breve guida avrete le conoscenze giuste per scegliere bene un router WiFi.

Router WiFi: guida all'acquisto

Innanzitutto dovete fare attenzione a distinguere i router dai modem. I router sono quelli che vengono connessi al modem distribuendo così la linea internet in modo wireless. I modem, invece, sono quelli che possono distribuire la linea a un unico dispositivo utilizzando un cavetto apposito. Infine ci sono i Range Extender: come dice il nome servono solo ad ampliare la zona coperta dal segnale internet trasmesso da un router. Ok, ma come comprare un buon router wi-fi con questa guida all’acquisto? Un buon router dovrebbe avere a disposizione varie porte disponibili, da utilizzare per collegarci vari dispositivi con un cavo. Le porte si distinguono: ci sono quelle EWAN, quelle Ethernet, quelle USB e così via. Per avere un router flessibile e che possa adattarsi a varie situazioni, date dunque la preferenza a un router con molte porte disponibili. In particolare, prestate attenzione alle porte Ethernet di tipo “Gigabit”. Queste possono fornire al dispositivo una maggiore velocità di trasferimento dei dati.

Ogni router poi supporta una classe WiFi diversa. Per esempio esistono router che arrivano fino alla soglia di 11 Mbps, quelli che arrivano fino ai 54Mbps, ci sono i router che possono trasmettere fino a 450 Mbps e anche router di classe wireless AC che toccano persino la soglia dei 1,3Gbps. Ricordatevi, che più alto sarà questo indice, maggiore sarà la velocità di navigazione e anche del trasferimento dei dati. Ovviamente un router di classe superiore costerà di più, ma una volta acquistato riuscirete a tirare tutto fuori dalla connessione fornitavi dal vostro operatore. Basandovi su questo aspetto, valutate anche la velocità dell’internet fornita dal vostro operatore internet, poiché il router che andrete ad acquistare dovrà supportare il protocollo di connessione fornito.

Infine, esistono inoltre dei router definiti “dual band”. Senza entrare in tecnicismi di sorta, questo tipo di router evita che ci siano delle interferenze di connessione, e che la navigazione sia dunque più fluida e maggiormente stabile. Ovviamente i router di questo tipo saranno un po’ più cari del normale, ma in compenso si potranno evitare brutte sorprese durante la navigazione (come le interferenze a 2.4GHz). Prestate inoltre attenzione alla caratteristiche tecniche del chipset (scegliete quelle Broadcom), della RAM e della CPU (entrambi fattori importanti nella gestione della quantità del traffico internet, e più sono alti, meglio è). Tralasciando poi i moltissimi fattori tecnici minori e sperando che questa guida all’acquisto di un router WiFi vi sia stata utile, non ci resta che congedarci con voi auguradovi di fare buon uso del vostro router.