Se vuoi sapere come recuperare backup WhatsApp significa che forse hai appena salvato tutte le tue conversazioni ma adesso sei entrato in crisi perché non ha proprio idea di come recuperare tutti questi dati per andare a trasferirli sul tuo nuovo smartphone o semplicemente per andare a reinstallarli all’interno della nuova versione di WhatsApp che dovrai installare sul tuo dispositivo dopo averlo formattato. Mi vuoi dire forse che non è così?

Che sei ancora al punto di partenza e il backup non l’hai neanche eseguito perché non hai trovato la funzione che ti permette di farlo? Se ho colto nel segno significa che hai davvero bisogno di un aiuto e senza preoccuparti troppo sappi che puoi trovare in questa guida un valido supporto che ti consentirà di imparare come ottenere ciò che vuoi senza fasciarti troppo la testa.

Se il tuo telefono ha dei problemi e sei costretto a intervenire con la formattazione dello stesso, però non vuoi perdere tutte le tue conversazioni di WhatsApp, allora hai decisamente bisogno di un aiuto. Tranquillo, ti spiegherò io come effettuare e soprattutto come recuperare il backup di WhatsApp su altri dispositivi.

Sei pronto per iniziare a leggere? Allora seguimi attentamente e vedrai che non potrai sbagliare. Imparerai come recuperare backup WhatsApp e in pochi istanti sarai in grado di effettuare tutte le operazioni che ti servono e che finora ti sembravano troppo difficili.

Il salvataggio della chat di WhatsApp

Partiamo innanzitutto dal primo passaggio, quello legato al salvataggio della chat di WhatsApp. Probabilmente non sai che WhatsApp include già una funzione che consente il salvataggio della chat. Per effettuare questa operazione, dunque, non è necessario fare uso di ulteriori software, perché è lo stesso programma a pensare a tutto, basta fornirgli le giuste indicazioni. Seguimi dunque attentamente tenendo alla mano il tuo smartphone o tablet su cui hai installato WhatsApp.

Per effettuare il tuo backup non devi fare altro che accedere alle Impostazioni e dal menu cliccare su Chat e Chiamate. A questo punto, scorrendo verso il basso, troverai la funzione Backup delle chat. Le chat già in default andranno ad essere archiviate nel cloud. Saranno salvate dunque, come da impostazione predefinita direttamente in Google Drive e non appena andrai ad effettuare la nuova installazione di WhatsApp potrai ripristinare il tutto. L’alternativa è quella di utilizzare direttamente la memoria del tuo dispositivo, anziché il cloud.

La scelta è tua, ma tieni presenti che il cloud ti dà la possibilità di accedere in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo ai tuoi backup, quindi è sempre preferibile come tipo di salvataggio. Per far partire il salvataggio non dovrai fare altro che cliccare sulla voce ‘Esegui backup’. Addirittura questo backup può anche essere impostato fin da subito a cadenza regolare, che può essere giornaliera, settimanale o mensile. In questo modo in caso di rottura accidentale del telefono, evento di certo non prevedibile, ti ritroverai un salvataggio completo della tua chat fino alla data di riferimento.

Come ripristinare il backup di WhatsApp

Ora che ti ho spiegato come effettuare il tuo salvataggio, veniamo alla parte più importante di questa guida. Devo illustrarti infatti come ripristinare backup WhatsApp. La procedura naturalmente è diversa a seconda che tu abbia scelto come destinazione del backup la memoria interna del dispositivo oppure il cloud. Nel primo caso il recupero dei dati è leggermente più complicato perché occorre andare a rintracciare il file di backup sul dispositivo originario per poi procedere al suo ripristino. Nel secondo caso invece è tutto più semplice, perché il ripristino viene effettuato in automatico.

Il ripristino del backup dalla memoria interna

Quando si lavora sulla memoria interna del dispositivo su cui è installato WhatsApp o sulla scheda SD dello stesso, quando è presente, occorre armarsi di buona pazienza e mettere in conto il fatto che per effettuare il ripristino della chat sul dispositivo occorrerà eseguire alcuni passaggi specifici, che saranno tra l’altro differenti a seconda che tu abbia un iPhone o uno smartphone con Android. I file che ti servono per il ripristino hanno un’estensione crypt8 e sono dunque facilmente individuabili.

Nell’archivio ne troverai tanti quante sono state le tue archiviazioni da WhatsApp, quelle che abbiamo visto puoi impostare con cadenza giornaliera, settimanale o mensile, oppure disattivare del tutto. Nella cartella Home/Whatsapp/Databases sono contenuti tutti i file in questione, che prendono un nome ben specifico. Un esempio è questo: msgstore-2016–02–05.1.db.crypt8.

Come puoi vedere, la parte centrale del nome del file non corrisponde altro che alla data in cui il backup in questione è stato creato, in questo caso il 5 febbraio 2016. Poiché per effettuare il tuo ripristino ti occorrerà andare ad agire direttamente su questi file e rinominarli, ti consiglio di scaricare fin da subito un programma gratuito tipo ES File Explorer, che non è altro che il classico file manager e che puoi andare a scaricare direttamente da Google Play Store. Con ES File Explorer puoi andare e rinominare il file crypt8 che ti interessa. La modifica consiste fondamentalmente nell’eliminazione della data e del numero 1 dal nome, che deve diventare dunque msgstore.db.crypt8.

Per applicare tale modifica al tuo file di ripristino, puoi semplicemente andare a installare ES File Explorer. Terminata tale procedura si entra in home e da qui si accede alla voce relativa ai database di WhatsApp. All’interno ritroverai tutti i file di backup e dovrai andare a cercare quello di tuo interesse, che vuoi rinominare. Troverai in basso a destra un altro pulsante, ‘Rinomina’, sul quale dovrai andare a cliccare per cambiare nome al tuo file.

A questo punto è tutto pronto e non ti resta che disinstallare WhatsApp. Per effettuare la disinstallazione non devi fare altro che gettare nel cestino l’icona corrispondente all’applicazione, oppure cliccare sulla stessa e scegliere ‘Disinstalla’. A questo punto ES File Explorer ti potrebbe chiedere se intendi procedere con la cancellazione anche di tutti i file che sono collegati a WhatsApp. Qui devi fare ben attenzione a rispondere di no, se non vuoi perdere tutti i tuoi archivi e dunque ogni possibilità di ripristinare le conversazioni che avevi salvato.

Quando la disinstallazione sarà completata potrai finalmente procedere con la nuova installazione. Potrai scaricare nuovamente Whatsapp da Google Play Store e andare a installarlo seguendo attentamente la procedura guidata. Al momento dell’avvio, il programma andrà a rilevare immediatamente i file di backup, semplicemente facendo riferimento al numero di telefono che avrai inserito nuovamente per la configurazione.

WhatsApp aggancerà dunque tutti i backup presenti collegati a quel numero e in questo caso il file che avevi precedentemente rinominato. Sarà sempre il programma in automatico a chiederti se desideri ripristinare la chat e dopo aver risposto affermativamente vedrai ricomparire le tue conversazioni, di nuovo al loro posto.

Se fin qui ti ho spiegato come recuperare backup WhatsApp sul tuo smatphone, dobbiamo ora ipotizzare il caso in cui la tua esigenza sia quella di recuperare le tue conversazioni su un altro dispositivo rispetto a quello dal quale hai creato il backup. Se quest’ultimo era stato effettuato sulla memoria del dispositivo, è evidente che occorre prima di tutto andare a recuperare il file di archiviazione e poi si potrà procedere con il recupero della chat.

La procedura sarà sempre la stessa, dovrai cioè andare a scegliere il file di archivio corrispondente alla data di backup che ti interessa e rinominarlo con ES File Explorer. Il file in questione dovrà essere dunque portato all’interno della cartella Home\WhatsApp\Databases del nuovo dispositivo. Una volta collocato al suo posto il file di backup potrai procedere con l’installazione di WhatsApp e con il relativo ripristino della tua chat, ricordandoti sempre, però, di associare il medesimo numero di cellulare che avevi in precedenza.

Il ripristino del backup online da Google Drive

Grazie all’interazione con Google Drive, WhatsApp ti consente di recuperare molto velocemente le chat salvate in backup sul tuo account. C’è da specificare però che per effettuare il recupero è necessario che il dispositivo sul quale si va a installare nuovamente WhatsApp e in cui si intendono trasferire tutte le vecchie chat sia effettivamente associato allo stesso numero di telefono del precedente. In caso contrario sarà impossibile effettuare il trasferimento delle conversazioni.

La procedura è davvero semplice e per lo più automatica. In pratica, dopo che si è effettuato un backup in Google Drive, al momento della nuova installazione di WhatsApp, si avrà un riconoscimento automatico da parte del programma, che andrà subito a individuare la presenza di un backup da recuperare. Seguendo la proceduta guidata andrai dunque a traferire senza problema i tuoi messaggi sul nuovo dispositivo.

Il ripristino del backup di WhatsApp su I-Phone

Se possiedi un I-Phone potrai probabilmente fare a meno di gran parte di quanto ti ho spiegato finora, perché la procedura di ripristino delle conversazioni di WhatsApp è in questo caso molto più semplice che su Android. Tuttavia, se sei qui a chiederti come recuperare il backup di WhatsApp, significa che hai comunque bisogno di una spiegazione.

Ma vediamo dunque nel dettaglio come devi muoverti, seguendo alcuni semplici passaggi. Innanzitutto ti consiglio di lasciare impostato il salvataggio automatico delle tue chat a cadenza periodica, in modo tale che se anche dovessi dimenticarlo sarà il programma a fare tutto per te. Il salvataggio avverrà direttamente su iCloud, lo spazio Cloud di archiviazione di casa Apple, in cui potrai conservare tutte le tue conversazioni e da dove potrai andare a recuperarle nel caso in cui accidentalmente dovessi perdere il tuo iPhone o se lo stesso dovesse rompersi all’improvviso. Non sempre infatti la necessità di recuperare un backup può essere progrannata.

Da iCloud potrai recuperare i tuoi backup in qualsiasi momento e andare a riutilizzarli su qualsiasi dispositivo. Dalle impostazioni di WhatsApp potrai inoltre visualizzare in qualsiasi momento la data in cui è stato effettuato l’ultimo backup delle chat e le dimensioni del file corrispondente, che può essere più o meno pesante a seconda del contenuto delle conversazioni e della scelta che hai effettuato di salvare o meno anche i file video.

Quando deciderai di recuperare uno dei tuoi file di backup non dovrai faro altro che affidarti all’applicazione. Se il numero di telefono è lo stesso ed è uguale anche l’ID Apple, infatti, WhatsApp andrà a riconoscere subito il file e ti chiederà se intendi effettuare il ripristino. Se andrai a cliccare dunque su Ripristina Cronologia Chat, le conversazioni verranno subito trasferite direttamente da iCloud al telefono.

Bene, questa mia breve guida su come recuperare il backup di WhatsApp è giunta al termine. Se hai avuto pazienza a leggere sin qui significa probabilmente che i contenuti ti sono sembrati utili ed interessanti. Adesso viene la parte più difficile, il mettere in pratica quanto hai appreso, smartphone alla mano. Se riuscirai finalmente a recuperare le tue conversazioni, anche i tuoi amici vorranno conoscere il tuo segreto e potrai dispensare loro consigli utili!