A chi non è capitato di cancellare inavvertitamente delle immagini dal proprio smartphone Android? Momento di panico! Magari erano ricordi importanti o solo scatti divertenti, chi lo sa? La cosa certa è che, nel bel mezzo della disperazione, un’unica e sola domanda inizierà a circolare frenetica tra i nostri neuroni in preda al panico: come recuperare immagini cancellate Android?

La prima cosa da fare è non perdere le speranze, qualcosa si può tentare di fare, sempre se l’evento è successo da poco e quindi esiste la possibilità concreta che una copia del file esista ancora nei meandri angusti del nostro smartphone.

Come recuperare immagini cancellate Android

Sarò sincera, le probabilità di riuscire nell’impresa aumentano sensibilmente una volta ottenuti i permessi di Root, ma non è una mossa furba per i meno esperti, in quanto si rischia di danneggiare seriamente lo smartphone. Quindi agite con cautela, magari sarebbe meglio tentare prima con metodi meno invasivi.

A questo proposito è bene sapere che esistono applicazioni che fanno bene il loro lavoro e sanno come recuperare immagini cancellate Android, anche senza i permessi di Root. Un’ottimo esempio di applicazione di questo tipo è “DiskDigger photo recovery“, la quale effettua una scansione approfondita della memoria dello smartphone e della scheda sd, se inserita. Questa potrebbe già essere la mossa risolutiva.

Se con le buone maniere non si riesce ad ottenere molto, è il momento di valutare il rischio beneficio dei metodi che agiscono tramite i permessi di Root. Se le immagini perse non erano così importanti, metteteci una pietra sopra e amen, se invece erano di vitale importanza allora il rischio Root potrebbe anche essere messo in conto, sempre con molta cautela e magari chiedendo aiuto a qualcuno esperto in materia.

Una volta presa la decisione è bene sapere che “DiskDigger photo recovery” stesso può agire con una scansione più efficace se si utilizzano i permessi di Root, per cui prima di provare altrove, semplicemente ottenere i permessi di Root e riavviare la scansione con”DiskDigger photo recovery”. Un’altra app che permette, tramite i permessi di Root, di ottenere ottimi risultati è Hexamob, effettua scansioni mirate in cartelle o settori specifici dello smartphone.

 

Un altro consiglio su come recuperare immagini cancellate Android è sicuramente quello di tentare con i programmi per computer. In questo caso è necessario collegare lo smartphone al pc, tramite cavo usb, oltre che installare alcuni software specifici su pc, quali ad esempio PhotoRec e Dr.Fone che sono tra i più intuitivi, rilevano lo smartphone come unità di massa e ne effettuano scansione rilasciando l’elenco dei file recuperabili.

Se le abbiamo tentate tutte senza risultati, è il caso di giocare l’ultima carta, attenzione però, solo se l’immagine persa era stata salvata su scheda sd. In questo caso esiste TestDisk, una utility gratuita, tanto potente quando ostica da usare, compatibile con tutti i sistemi operativi ma potenzialmente pericolosa se non usata con la dovuta esperienza. Il problema principale con questa utility è che non possiede una interfaccia per cui bisogna agire tramite il prompt dei comandi in dos.

Una volta effettuato il download di TestDisk, specifico per il sistema operativo del pc che si sta usando, sarà necessario decomprimerlo. Estrarre quindi il file zip in una cartella del pc. Inserire la scheda sd nel lettore del pc (o in un adattatore già predisposto e collegato al pc) e cliccare due volte sul file eseguibile presente nella cartella decompressa di TestDisk. Apparirà il prompt dei comandi, con un invio della tastiera si avrà la lista delle unità di memoria da selezionare con le frecce direzionali.

Una volta selezionata l’unità di memoria, nel caso specifico la scheda sd, premere nuovamente invio, selezionare Intel e successivamente Advanced, a questo punto si avrà la possibiltà di scegliere la partizione dell’unità di memoria, trattandosi di scheda sd ne avrà quasi sicuramente una sola, per cui sarà facile andare avanti e ritrovarsi direttamente nella lista dei file recuperabili, in rosso e con estensione jpg o png. Selezionare i file da recuperare e premere il tasto C per salvarli in una cartella su pc.